Come realizzare un presepe artigianale

Seguite questi consigli per realizzare un presepe personalizzato e unico, perfetto per portare un po’ di calore nelle vostre case durante le feste natalizie.

Come realizzare un presepe artigianale

(Foto: Flickr.com – merto87)

Durante il periodo del Natale la nostra casa può diventare davvero bellissima grazie alle decorazioni natalizie, all’albero di Natale e al presepe ovviamente. In commercio troviamo molti presepi già pronti, non sarebbe però preferibile creare un presepe in modo del tutto autonomo? Non vi stiamo consigliando di creare le statuine, quelle potete tranquillamente acquistarle, ma di creare l’ambientazione in modo che il vostro presepe possa davvero dirsi unico ed originale.


La bozza dell’ambientazione - Siamo sicuri che avete già in mente l’ambientazione che volete creare. Le vostre idee devono però come prima cosa passare su carta. Non dovete necessariamente essere dei disegnatori sopraffini o dei veri e propri progettisti, la cosa importante è che mettiate nero su bianco tutto ciò che volete realizzare e che ne decidiate le misure e le proporzioni. Una volta che avete deciso queste misure non vi resta che creare una base sommaria della vostra ambientazione in compensato oppure in polistirolo. Questa base la dovrete poi ricoprire con il gesso.

presepe

(Foto: iloveagrigento.it http://www.flickr.com/photos/iloveagrigento/3143591837 Con il gesso è possibile realizzare degli edifici davvero eccezionali, sembrano veri.

Il gesso - Il gesso è l’alleato più importante per la costruzione di un presepe davvero perfetto. Con il gesso possiamo infatti creare le ambientazioni, gli edifici, le strade e qualunque altro elemento ci venga in mente.
Mettete il gesso in una bacinella piena di acqua. Vedrete crearsi come delle piccole bollicine di aria. Quando le bollicine cessano agitate il composto aiutandovi con una cazzuola fino a quando non otterrete un impasto cremoso. Cercate di gettare il gesso in polvere nell’acqua poco alla volta in modo da rendervi conto da soli della quantità necessaria per ottenere un buon composto.
Ricoprite la base dell’ambientazione che avete prima realizzato con il gesso cercando di creare uno spessore di circa 4 oppure 5 millimetri. Ovviamente mano a mano che ricoprite cercate anche di dare una prima modellatura dell’ambiente. Modellate quindi per bene le rocce, le piante, i muretti in questo modo faciliterete il lavoro di scultura finale.
Quando il gesso sarà del tutto asciutto potete scolpirlo nel modo che desiderate con lo scalpello arrivando a creare ogni tipologia di forma. Potete poi ovviamente anche colorarlo con delle vernici in modo che l’ambientazione inizi finalmente a prendere vita.

(Foto: laurentius87 http://www.flickr.com/photos/7778013@N03/2129073921 Realizzate gli edifici principali in cartongesso. Forse non verranno perfetti le prime volte ma con un po’ di esperienza riuscirete a crearne alcuni davvero bellissimi.

Le case in cartongesso - Gli edifici possono essere inseriti direttamente nell’ambientazione in gesso, noi però vi consigliamo di utilizzare il gesso solo per il paesaggio e per gli edifici meno importanti. Gli edifici più importanti che sono in primo piano invece realizzateli con il cartongesso. In commercio ne esistono delle lastre già pronte che dovrete solo modellare ed incidere, niente di più semplice no?

presepe

(Foto: aivo2012 http://www.flickr.com/photos/aivo2010/5285988991 Con i doni della natura come il muschio, le pietre e il legno possiamo realizzare delle bellissime opere da inserire nel presepe.

La natura - Gesso e cartongesso ci aiutano a realizzare un ambientazione magnifica, ma c’è sempre la necessità di inserire degli elementi naturali nel presepe. Il modo migliore per ricreare la vegetazione nel presepe è di utilizzare il muschio secco. Potete acquistarlo presso i migliori rivenditori di articoli per il Natale oppure potete recuperarlo fresco in natura e lasciarlo semplicemente seccare su dei fogli di giornale per qualche giorno.

presepe

(Foto: aivo2012 http://www.flickr.com/photos/aivo2010/5270946293 Ecco una bellissima grotta realizzata in legno e muschio.

La realizzazione della grotta - Molte persone utilizzano della semplice carta per creare la grotta e tutte le sue insenature. Noi invece vi consigliamo di utilizzare anche in questo caso degli elementi presi dalla natura. Sfruttate allora sassi, pietre, la corteccia di un albero, il sughero oppure dei ramoscelli. Vedrete che con questi materiali e con un po’ di colla potrete creare una grotta semplicemente perfetta.

presepe

L’illuminazione del presepe - Ovviamente un presepe che possa davvero dirsi bello deve essere in possesso anche di un’adeguata illuminazione. Potete utilizzare ogni tipologia di fonte luminosa per l’illuminazione del presepe anche se sono sempre consigliabili le luci a led e le luci a bassa tensione che ci offrono maggiore sicurezza. Inutile dire ovviamente che dovete prestare attenzione al luogo in cui posizionerete le luci che devono infatti essere lontane dall’acqua e da ogni materiale infiammabile.
La prima cosa a cui dovete pensare è l’illuminazione generale della scena. Molte persone credono che sia sufficiente una sola luce importante per illuminare la scena in modo adeguato, ma in realtà non è affatto così. Una sola luce crea delle inutili ombre ed arriva ad appiattire l’emotività che invece l’ambientazione vuole veicolare. Ecco allora che il modo migliore per illuminare la scena è quello di posizionare tante piccole luci da dislocare in vari punti del presepe, possibilmente nella zona in alto e sullo sfondo. In questo modo i punti luce non saranno visibili ad occhio nudo ma l’illuminazione risulterà senza dubbio omogenea. Cercate inoltre di evitare luci troppo intense e sceglietele possibilmente con una tonalità piuttosto calda.
Dopo aver illuminato la scena è necessario pensare all’illuminazione della grotta. Qualche piccolo punto luce all’interno della grotta è necessario, fate attenzione però che la luce non sia troppo forte. Lo stesso vale anche per gli altri edifici presenti nel presepe, devono essere luminosi ma mai in modo eccessivo.

Lascia una risposta. »